Dom10222017

Last updateDom, 22 Ott 2017 10am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

   



 

 

 

 

Back Sei qui: Home Politica La politica e il degrado

Politica

La politica e il degrado

 

Finalmente anche una forza politica locale, Partito Socialista Italiano, pone l’attenzione sul degrado della città tanto che, su una nota inviata a più interlocutori, si chiede se “Il Comune deve dichiarare lo stato di emergenza?”

Proponiamo integralmente la lettera inviata a:

Ill.mo Signor Sindaco

Ill.ma Presidente del Consiglio Comunale

A i Gruppi Consiliari

Comune di GRAVINA

Ill.mo Signor Prefetto

Ill.mo Assessore all’Ambiente della Regione Puglia

Ill.mo Assessore alla Sanità della Regione Puglia

Ill.mo Onorevole Ministro all’Ambiente – ROMA

Oggtto: Gravina in Puglia - Pulizia e raccolta rifiuti

La scrivente sezione “C. Musacchio” del Partito Socialista Italiano di Gravina in Puglia, registra da tempo e in maniera sempre più amplificati, malumori e malcontento fra i cittadini relativamente alla pulizia della città e all’esecuzione della raccolta dei rifiuti.

In particolare si registrano disservizi circa:

·         la manutenzione e sostituzione di cassonetti della raccolta dei rifiuti solidi urbani;

·         il ritiro dei rifiuti per il conferimento degli stessi;

·         la mancata esecuzione della differenziata (i rifiuti differenziati pare che vengano poi mischiate dalla ditta appaltatrice);

·         la mancanza di siti per il conferimento di scarti, cartoni, utensili, elettrodomestici, ecc.;

·         la mancata pulizia delle strade e tanto altro.

Da quanto detto, discende un interrogativo:

Il Comune deve dichiarare lo stato di emergenza?

Ovviamente, qualora questo avvenga, rammentiamo che lo stesso Comune dovrà provvedere a sopperire alla mancanza od inefficienza del servizio in altro modi.

Con la presente si ritiene che provvedimenti, iniziative fin qui adottati ed avviate, non hanno sortito alcun miglioramento.

Pertanto, invitiamo Codesta Amministrazione ad adottarne molti più incisivi/e, efficienti ed efficaci per risolvere definitivamente la questione e per evitare il protrarsi dei suddetti disservizi che causano notevole disagio ai cittadini oltre a porre un problema di ordine pubblico, di sanità e di salvaguardia della salute di tutti.

Così come proposto, intendiamo insistere, affinchè si proceda tempestivamente alla raccolta differenziata, oltretutto obbligatoria e in mancanza sanzionatoria.

Auspicabile, con la raccolta “porta a porta” che, oltre a garantire un servizio efficiente, efficace e qualitativo, permetterebbe sia l’abbattimento della tassazione che l’incremento dei livelli  occupazionali in tali servizi.

Si rammenta, infine, che la Cassazione è intervenuta sul punto, con una recente ordinanza evidenziando che il protrarsi dei disservizi nella raccolta dei rifiuti dà la possibilità al contribuente di chiedere una riduzione della tassazione.

Precisando che l’obiettivo del P.S.I. di Gravina è senz’altro il raggiungimento del bene comune e l’efficienza della P.A., finalizzato proprio al godimento dei servizi da parte di tutti i cittadini e, lontano dall’obiettivo di voler vessare il Comune e depauperare le casse pubbliche, avendo intenzione di segnalare i suddetti disservizi e rammentare alle Istituzioni che una tassazione (anche abbastanza alta) esige un servizio adeguato ed efficiente.

Cordialità e saluti.

Gravina in Puglia, 10 ottobre 2017                                                   Il Segretario

                                                                                                   Donato Mastropietro  

 

 

 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1