Ven02232024

Last updateVen, 23 Feb 2024 6am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

 

Back Sei qui: Home Cultura ed Eventi Affamati di comunione

Cultura ed Eventi

Affamati di comunione

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Affamati di comunione

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 1, 40-45)

In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: "Se vuoi, puoi purificarmi!". Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: "Lo voglio, sii purificato!". E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato.
E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: "Guarda di non dire niente a nessuno; va', invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro".
Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

 

Commento:

In questa Domenica (ultima prima del Solenne Tempo Quaresimale), ci viene offerto il tema della lebbra, che prima e al tempo di Gesù era un grave male sia fisico che sociale, ed era considerato maledetto da Dio. È l'immagine del rifiuto e della solitudine. Il lebbroso del Vangelo, di cui non conosciamo né il nome, né il volto, è stanco di fuggire. Si avvicina e umilmente  chiede: "Se vuoi, puoi guarirmi". Gesù, facendosi prossimo di quel lebbroso, rivela il Volto di Dio. Dio è guarigione, compassione, è il Dio che ama la comunione. I  figli di Dio,  come Gesù, curano le relazioni, perché la Sua creatura è fame di comunione, ad immagine della Comunione e Famiglia Trinitaria. È questa la nostra gioia, cioè quelle di esser cercati, amati, come fa il Buon Pastore. Questo auguriamo al nostro nuovo Vescovo, mons.Giuseppe Russo, che ieri mattina ha fatto il suo ingresso nella Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva. Possa realizzare il suo programma: “vengo in mezzo a voi con il desiderio di camminare insieme alla sequela di Cristo”. don Sante.

 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database