Mer11302022

Last updateMar, 29 Nov 2022 4pm

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

 

Back Sei qui: Home Politica POLITICHE ENERGETICE, POSITIVO INCONTRO TRA A.C. E CGIL

Politica

POLITICHE ENERGETICE, POSITIVO INCONTRO TRA A.C. E CGIL

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Il 3 novembre un incontro tra l’Amministrazione Comunale rappresentata dall’assessore Vincenzo Varrese e le OO.SS. CGIL, CISL e UIL definì una serie di argomenti da affrontare al fine di dare seguito al protocollo d’intesa del 5 settembre scorso nell’ambito di una corretta relazione tra le parti.

Ieri si è tenuto il primo incontro che ha trattato le “Politiche energetiche e nucleari”, presenti gli assessori Varrese e Vicino mentre per la parte sindacale c’era solo la CGIL rappresentata da Deleonardis, Lapolla, Dimattia, Maffei e Varvara; inspiegabilmente assenti CISL e UIL.

Varrese ha fatto presente che il territorio di Gravina è interessato da dodici progetti che aspettano le autorizzazioni governative, al Comune il compito di fare segnalazioni riguardanti l’impatto ambientale.

A tutte le dodici ditte è stata inviata richiesta di incontro in modo da poter definire se i progetti rispettano la normativa e le royalties che la comunità dovrà avere in base alle linee guida del DM 2010, al momento solo tre proponenti hanno espresso la propria disponibilità.

E’ intenzione non chiedere un “ristoro” economico ma si vuole che si realizzassero opere pubbliche utili all’intera comunità.

Un’impostazione che ha visto una generale assonanza con i concetti espressi dai rappresentanti della CGIL.

Prima che il Consiglio Comunale adotti una delibera per gli accordi che si raggiungeranno, l’A.C. vorrà organizzare una conferenza cittadina, un modo da rendere partecipe la base su decisioni importanti e che influenzerà il modo di vivere per parecchi anni.

Per quanto concerne l’aspetto nucleare la Giunta Comunale ebbe qualche settimana fa, a ribadire la posizione contraria nel caso fossero individuati siti territorialmente appartenenti alle regioni di Puglia e Basilicata; atteso che la futura CNAI ridurrebbe da 67 a 58 i siti interessati, è stato deciso che fosse inviata a varie Istituzioni copia della suddetta delibera unitamente alle osservazioni fatte alla Sogei per il Seminario Nazionale tenutosi nello scorso ottobre.

Divagando, infine, su altri argomenti l'assessore Vicino comunicava che si sta pensando il ritorno delle podoliche al bosco; una buona notizia che speriamo si realizzi.

In definitiva un incontro costruttivo pur rimanendo le parti nel ruolo che ad ognuno compete.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database