Mer11302022

Last updateMar, 29 Nov 2022 4pm

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

 

Back Sei qui: Home Cronaca Effrazione ai servizi sociali, lo sdegno dell’Amministrazione Comunale

Cronaca

Effrazione ai servizi sociali, lo sdegno dell’Amministrazione Comunale

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

Click to open

Mercoledì notte, ignoti si sono intrufolati all’interno degli uffici dei Servizi Sociali del Comune di Gravina, con l’intento di cercare qualcosa di utile da portare via.

Sono stati gli stessi dipendenti in servizio presso la sede in Piazza Cavour ad accorgersi dell’accaduto.

I malfattori hanno forzato la porta d’ingresso e messo a soqquadro cassetti ed armadi.

Su segnalazione dei funzionari comunali, sul posto è intervenuta una pattuglia della Polizia di Stato per i rilievi del caso.

Secondo una prima ricostruzione non mancherebbe all’appello niente di valore.

Gli uffici comunali competenti hanno provveduto a presentare denuncia rispetto a quanto accaduto.

Alla Polizia di Stato il compito di indagare per arrivare ai responsabili dello scempio che oltre alla devastazione ha procurato danni per diverse centinaia di euro.

Il Sindaco di Gravina Fedele Lagreca, unitamente all’Assessore alle Politiche Sociali Vincenzo Varrese hanno stigmatizzato l’accaduto.

 

Dichiarazione del Sindaco di Gravina in Puglia Dott. Fedele Lagreca

Un atto incivile che danneggia il lavoro di uffici che si prendono cura delle persone fragili e che più hanno bisogno di assistenza.

Coloro che si sono resi responsabili di questo atto non hanno fatto un dispetto al comune ma a tutti gli utenti che quotidianamente si rivolgono a questi uffici per ricevere un aiuto.

Un comportamento gravissimo che danneggia l'intera comunità.

 

Dichiarazione dell’Assessore alle Politiche Sociali

All’amarezza di un gesto vigliacco e vile ad opera di ignoti, si aggiunga la tristezza che proviene dalle affermazioni del Consigliere Comunale Mario Conca.

Nel suo dire, il consigliere dice una inesattezza.

Le chiavi sono nella disponibilità esclusiva dei funzionari comunali, quindi non corrisponde a verità la circostanza che vi siano dipendenti in quiescenza che detengano chiavi di uffici pubblici.

Nella fattispecie, i funzionari “in servizio” sono muniti di chiave perché la mole di lavoro è tanta e spesso, per svolgere nel migliore dei modi il servizio affidatogli a supporto dei più vulnerabili, fanno rientro anche al di fuori dei giorni convenzionali.

Le dichiarazioni del Consigliere Mario Conca fanno un ulteriore danno, perché colpiscono coloro che operano in una struttura da sempre impegnata a garantire servizi primari alla nostra comunità.

Avevamo deciso di non dare ulteriore risalto all’episodio ma certe affermazioni lanciate alla rete, possono ingenerare dubbi ed equivoci sull’operato di integerrimi dipendenti pubblici che meritano rispetto per il grande lavoro svolto.

Purtroppo quell’ufficio è dislocato in una sede distaccata, sprovvista di servizio di guardiania e portierato.

Questa Amministrazione si farà carico di tutti gli interventi idonei ad interrompere la sequela di effrazioni che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database