Sab01282023

Last updateVen, 27 Gen 2023 12pm

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

 

Back Sei qui: Home Cultura ed Eventi IL PAPA A MATERA: «SE ALZIAMO MURI NE RESTEREMO IMPRIGIONATI»

Cultura ed Eventi

IL PAPA A MATERA: «SE ALZIAMO MURI NE RESTEREMO IMPRIGIONATI»

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Click to open

Erano in 12.000 i fedeli presenti allo stadio di Matera, anche gravinesi,  per ascoltare il Papa che ieri ha concluso il XXVII Congresso Eucaristico della Cei.

«Pensiamo oggi sul serio al ricco e a Lazzaro: succede ogni giorno questo e tante volte anche, vergogniamoci!, questa lotta succede fra noi, nella comunità». Lo ha detto il Papa nell’omelia della Messa, commentando il Vangelo: «Tutti siamo peccatori ma da peccatori torniamo a Gesù» perché «Lui vince la morte e sempre rinnova la nostra vita». 

Papa Francesco ha aggiunto: «Se adoriamo noi stessi, moriamo nell’asfissia del nostro piccolo io; se adoriamo le ricchezze di questo mondo, esse si impossessano di noi e ci rendono schiavi; se adoriamo il dio dell’apparenza e ci inebriamo nello spreco, prima o dopo la vita stessa ci chiederà il conto. Sempre la vita ci chiede il conto. Quando invece adoriamo il Signore Gesù presente nell’Eucaristia, riceviamo uno sguardo nuovo anche sulla nostra vita: io non sono le cose che possiedo e i successi che riesco a ottenere; il valore della mia vita non dipende da quanto riesco a esibire né diminuisce quando vado incontro ai fallimenti e agli insuccessi. Io sono un figlio amato, ognuno di noi è un figlio amato; sono benedetto da Dio». 

Il Papa all’Angelus, recitato da Matera ha pregato per l’Ucraina: «Maria, Regina della Pace, conforti il popolo ucraino e ottenga ai capi delle Nazioni la forza di volontà per trovare subito iniziative efficaci che conducano alla fine della guerra».

Lasciato lo stadio «XXI Settembre-Franco Salerno», Papa Francesco è salito su un’utilitaria bianca e si è trasferito alla mensa dei poveri "casa fraternità don Giovanni Mele», che ospita circa 100 persone al giorno. La visita è stata brevissima, di pochi minuti.

Il Papa è uscito accompagnato dall’arcivescovo di Matera-Irsina, don Giuseppe Antonio Caiazzo, dopo la visita alla mensa dei poveri, è risalito su un’utilitaria di colore bianco ed ha lasciato Matera in direzione della Puglia, dove un aereo lo ha riportato a Roma.

Nella galleria fotografica una sintesi della giornata scattata dal fotoreporter ANSA accreditato presso la CEI Rino Digiesi.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database