Mar02182020

Last updateLun, 17 Feb 2020 1pm

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

   



 

 

 

 

Back Sei qui: Home Cultura ed Eventi BULLISMO E SUA PERICOLOSITA’

Cultura ed Eventi

BULLISMO E SUA PERICOLOSITA’

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Click to open

Sapere che quattro ragazzi su dieci si imbattono in episodi di bullismo e cyberbullismo significa che il fenomeno è in forte crescita, urge adottare misure per arginarlo anche perché si può essere interessati anche dalla tenera età.

Spesso è la scuola il luogo ideale in cui si subiscono quelle “attenzioni” che riescono a sconvolgere la psiche di chi diventa vittima.

In questa ottica ieri i genitori dei ragazzi frequentanti il plesso “T. Fiore” del C.D. "Savio-Fiore" di Gravina hanno incontrato il Commissario di Polizia di Stato - dott. Angiolillo - per parlarsi, scambiarsi le esperienze al fine di riuscire, in qualche modo, a limitarne le conseguenze che ne derivano dagli atti di bullismo e cyberbullismo.

In realtà il Commissario ammoniva i presenti circa i danni dalle azioni che spesso si hanno, specialmente quando a subirli sono i più piccoli.

La conferma si sono, puntualmente, avute dagli interventi di alcune mamme che hanno visto i propri figli assumere atteggiamenti di chiusura, di nervosismo, di riluttanza ad andare a scuola e tanto altro; tutti elementi che mettono in allarme la famiglia.

Quest’ultima cerca di capire qualcosa in più chiedendo l’intervento della scuola per capire, attraverso l’insegnante, se in classe si possa essere formato un “gruppo di bulli”, tanto permette di capire le difficili situazioni di famiglia che il ragazzo “bullo” può vivere, il che lo rende fragile per cui cerca di colpire le debolezze che riscontra nei coetanei, compagni di scuola.

Che fare? Intanto ringraziare la D.S. dott.ssa Accettura e tutti i suoi collaboratori per l’aver individuato la necessità di discuterne e poter decidere su quali misure mettere in atto, queste non potendo essere di natura penale a causa dell’età, devono mirare alla formazione in modo da far capire la pericolosità. Sono arrivati dei suggerimenti: parlarne attraverso letture mirate, attuare delle drammatizzazioni e così via. Cosa possibile, ha detto la Dirigente, atteso che le indicazioni ministeriali offrono possibilità di una certa autonomia sul come organizzare il tempo scuola.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database