Lun12162019

Last updateLun, 16 Dic 2019 8am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

   



 

 

 

 

Back Sei qui: Home Cultura ed Eventi ...un anno per colorare la nostra argilla!

Cultura ed Eventi

...un anno per colorare la nostra argilla!

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 24,37-44
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

Commento:

Con la 1ª Domenica di Avvento, la Chiesa inizia un Nuovo Anno. Oggi, siamo invitati a cogliere la presenza del Signore che bussa con discrezione, per aprirci all'incontro con Lui, che "è il nuovo sole che trapassa le pareti, spalanca gli inferi, scruta i cuori; è il nuovo sole che con il suo Spirito fa rivivere ciò che è morto, restaura ciò che è corrotto, rialza ciò che è decaduto; e ancora con il suo calore purifica ciò che è sordido, riscalda ciò che è languido, consuma ciò che è corrotto" ( Massimo di Torino). Il cristiano non è mai un “arrivato”, è sempre una persona in cammino, come i nomadi, sotto la tenda della provvisorietà, della ricerca instancabile delle impronte divine sparse nella sua storia e nel mondo, rifiutando l'atteggiamento descritto nel racconto degli " abitanti della città grigia". Si racconta di una piccola città, dominata dalla ciminiera di una grande fabbrica. Il suo cielo era grigio per il fumo, grigio era il colore delle case, grigia la faccia della gente. Un giorno arrivò nella città uno sconosciuto, con un grande zaino. Tirò fuori dei gessetti colorati e si mise a disegnare su un marciapiedi grigi una città meravigliosa, dai colori splendenti. Le gente si fermava a guardare... Quando il disegno fu finito lo sconosciuto distribuì i gessetti tra i presenti e se ne andò. Molti persero quei gessetti. Così la gente della città decise di staccare il marciapiedi e di esporlo al museo perché tutti potessero vederlo. Ma pochi visitavano il museo. Finché un giorno alcuni bambini trovarono i gessetti colorati e cominciarono a riempire di meravigliosi disegni i muri grigi della loro città grigia. Oggi la chiamano "la piccola città colorata dove la gente sorride". Quello sconosciuto con i gessetti è proprio la figura di Gesù che viene in mezzo a noi per indicarci la via della luce ed essere figli della luce. Gesù "disegna" per noi, con i “gessetti” della Sua Parola, proprio il Regno di DioL’Avvento ci è dato per farci alzare lo sguardo. Questi "gessetti" sono l'Amore, la Vigilanza, la Pace, la solidarietà... Siam chiamati a diffondere colore, calore, luce, come “lanterne” che rischiarano il cammino dei fratelli e nostro.  Un padre del deserto ha affermato: « Non abbiamo bisogno di nient'altro che di uno spirito vigilante» ( abbà Poemen). Abitiamo nella Notte, con uno sguardo luminoso e spirituale, lottando contro la pigrizia. L'attesa, per un credente, non è una parentesi: è una maniera, uno stile di vita. Tutti all'opera, con i gessetti di un’attesa luminosa per colorare l’argilla del nostro quotidiano, per scoprire quest’Anno più di ogni altro, che il nostro Dio non è una “grigia storia”, ma è la nostra Luminosa Storia. Don Sante Ferrulli-Parroco SS.Nicola e Cecilia-Gravina

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database