Gio11142019

Last updateGio, 14 Nov 2019 7am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

   



 

 

 

 

Back Sei qui: Home Storia, uomini e luoghi IL PONTE VIADOTTO ACQUEDOTTO FONTANA LA STELLA(VI PARTE)

Storia, Uomini e luoghi

IL PONTE VIADOTTO ACQUEDOTTO FONTANA LA STELLA(VI PARTE)

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Terminiamo la pubblicazione di notizie storiche relative al Ponte viadotto Madonna della Stella, forniteci dal prof. Fedele Raguso.

Ci auguriamo possano averci fatto prendere contezza del patrimonio che ci è stato tramandato e che dobbiamo obbligatoriamente tutelare e salvaguardare:

Occorreva liberare dal limo arenoso le due canale di scolo per poi  spaternarle dalle stratificazioni saline che l'ingombrano; rialzare a livello perfetto il pavimento dell'acquedotto in pezzi di cozzaroli, ribassati nel n¡ di 1500, facendovi sotto il masso e cementando le sconnessure con calce e polvere di tegoli, o cenere di fornace; sgombrare dal limo quella metà del cilindro utile a far camminare di lato un uomo per la manutenzione delle  due canali  che vi correvano dentro; riattare la faccia interna dei muri dell'acquedotto nei punti dove l'acqua si disperdeva filtrando; trovare rimedio all'acqua che usciva fuori e gocciolava sul muro che faceva riparo a sud sul ponte.

Per proteggere il percorso esterno dell'acquedotto occorreva fare un contromuro di tufi a secco con terrapieno a scarpa  per coprire e sostenere il muro dell'acquedotto scoperto e minaccioso di caduta; era urgente realizzare un selciato rustico per coprire l'estradosso della volta dell'acquedotto, i cui tufi erano bastantemente logorati pel calpestio d'uomini e di animali, che vi camminano sopra; si dovevano riaprire 30 bocche di sfiatatoi  ostrutte, dotandole di telaio di mazzaro e lapide; erano opportuni restauri alla botte vicino al paese, la  nettatura e ristauri del pilone o vasca per gli animali come pure la  nettatura e ristauro alle vasche aderenti all'abitato; vicino a queste poi c'era una cloaca  le cui immondezze si han fatto strada attraverso il masso di tufo, e corrompono le acque, motivo per cui era necessario svuotarla.

La spesa totale, comprensiva di onorario dell'architetto, fu di ducati 1.136,46.

Le vicende della «fontana la Stella» sono numerose e costanti nel tempo, tanto  è  vero che a distanza di circa un ventennio, nel 1883, si trova documentato l'intervento di Adolfo Cagiati , ingegnere comunale, che previde, nel suo progetto ai fontanili, una nuova condottura in tubi di argilla lungo la spalliera del ponte per la larghezza di m. 110, ma volle anche rinforzare la portata della fontana con l'allacciamento delle acque di Lamascesciola, mediante un canale lungo m. 710 (dai pozzi in Lamascesciola fino al fontanile), largo m. 1,50, alto mediamente m. 2, 20.

Questa nuova struttura, ovviamente, comportò anche una serie di lavori di scavo, muratura, canaletti, boccagli, selciato perché tenesse nel tempo, ma soprattutto assicurasse sempre più acqua alla popolazione che era pronta a lamentarsi, a reclamare a giusta ragione.

Gli interventi di manutenzione e restauri non si fermarono al 1883, continuarono in modo sistematico sino all'introduzione della rete idrica dell'Acquedotto Pugliese, che limitò l'utilizzazione per gli usi umani e si ridusse, prevalentemente, a servire gli abbeveraggi degli animali e ai lavaggi delle lane per i materassi delle giovani spose.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database