Sab09212019

Last updateGio, 19 Set 2019 3pm

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

   



 

 

 

 

Back Sei qui: Home Storia, uomini e luoghi LA VIA PROTOSTORICA DEL PIANORO MADONNA DELLA STELLA (IV PARTE)

Storia, Uomini e luoghi

LA VIA PROTOSTORICA DEL PIANORO MADONNA DELLA STELLA (IV PARTE)

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Concludiamo con l’ultima parte la pubblicazione di notizie storiche scritte dal prof. Franco Laiso che speriamo siano state utili per meglio comprendere il patrimonio che abbiamo avuto in dotazione che ci impone di non distruggerlo:

Si deve cercare a tutti i costi che, all’azione di cancellazione del tempo, non si aggiunga, per il fatto che si ignori la storia puntuale dei luoghi, o il fatto che non si ispezioni con l’ausilio di competenze e di un adeguato supporto scientifico, l’azione deleteria dell’uomo. Quello che è avvenuto sulla strada protostorica del pianoro della Madonna della Stella è emblematico di una avventatezza operativa incomprensibile e inaccettabile.

In un dialogo ideale tra Rumiz e la via Appia, quest’ultima così si esprime: “Impara a leggere il senso delle parole. Strada significa stratificazione di materiali edilizi, se sopra le mie fondamenta, il basolato, le crepidini e le ghiaie oggi hanno messo il cemento e l’asfalto significa che gli dei lavorano per la mia sepoltura. Mi ritroveranno, forse gli alieni, fra altri duemila anni”.

Quanti vecchi sentieri sono segnati nella calcarenite di Gravina, anche alla vista del distratto osservatore essi si presentano: basta seguirne le tracce. Un probabile parco dell’acqua e della pietra e augurabili istituende piste ciclabili devono ancorarsi a queste antichissime tracce, senza l’aggiunta di superfettazioni ma, naturalmente, evidenziate. Bisogna evidenziare le trame dei sentieri che definiscono la labirintica bellezza di un luogo e connotano l’essenza onirica del viaggio che libera il viaggiatore della costrittiva depauperante linea retta.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1