Gio10182018

Last updateGio, 18 Ott 2018 6am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

   



 

 

 

 

Back Sei qui: Home Cronaca Si denunciano disservizi per la raccolta rifiuti “porta a porta”

Cronaca

Si denunciano disservizi per la raccolta rifiuti “porta a porta”

Riceviamo e pubblichiamo:

E’ partita una raccolta di firme di contribuenti, residenti nel Comune di Gravina in Puglia, finalizzata a denunciare i disservizi legati al sistema recentemente introdotto di raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta”. La raccolta delle firme con modalità tradizionali, ovvero in forma cartacea, si spiega in quanto l’atto di significazione è prodromico ad eventuali ricorsi avverso gli atti di accertamento della tassa sui rifiuti che saranno notificati ai residenti: la tassa sui rifiuti, verosimilmente, è destinata a raddoppiare per effetto del “porta a porta”.

In particolare i sottoscrittori segnalano quanto segue:

1) la presenza di zone non coperte dalla raccolta differenziata così come la presenza di residenti “invisibili” che, comunque, producono rifiuti;

2) i rifiuti restano esposti sulla pubblica via per un arco temporale troppo lungo (dalle nove di sera fino anche alle ore 13 del giorno dopo) e vengono raccolti con mezzi inidonei, creando intralcio alla circolazione e cumuli maleodoranti. La raccolta andrebbe fatta durante la notte e dovrebbe esaurirsi in un paio d’ore;

3) i giorni di raccolta di umido e indifferenziata sono del tutto insufficienti a coprire le esigenze dei residenti: la raccolta dovrebbe essere giornaliera;

4) gli addetti alla raccolta sono in numero assolutamente insufficiente, così come i loro mezzi: camioncini vecchi, inquinanti, che si riempiono troppo presto, causando l’omesso svuotamento talvolta dei bidoni e/o la necessità di tornare più volte sulla stessa strada;

5) non vi è stata per due settimane di seguito la raccolta della carta nella giornata prestabilita del venerdì: i bidoni sono rimasti esposti alle intemperie e parte della carta è stata deteriorata dalla pioggia;

6) servono più bidoncini per la raccolta di deiezioni canine;

7) assolutamente indispensabile è la realizzazione di isole ecologiche, soprattutto per i residenti in zone di campagna;

8) i cittadini esigono ricevere informazioni dettagliate sulle modalità e i costi di smaltimento: in particolare sulle modalità di differenziazione del metallo dalla plastica e sulla esistenza o meno di strutture idonee al riciclaggio in loco.

Per firmare, contattare l’avv. Maria Fiormarino al numero 333 40 45 583.

 

Commenti (3)
manca...
3Venerdì, 10 Agosto 2018 16:57
antonio cassano

manca anche raccolta olio di frittura

Mancano i contenitori per la raccolta delle pile e medicinali scaduli, manca l' isola ecololgica ,
2Giovedì, 09 Agosto 2018 15:41
Franco Nacucchi Presidente associazione 3P ( Partecipare,produrre e progredire)

Purtroppo, a Gravina, manca l'isola ecologica, prevista, dall'opuscolo dell'azienda, come per gli altri comuni Altamura, Santeramo e Poggiorsini. Si chiede per gli oggetti incombranti come fare? Si chiede, appositi cotenitori, per le medicine scadute, visto che in diverse farmacia mancano i contenitori, tipo, presso, la nuova farmacia San Michele Arcangelo di Via F. Meninni, dove fra l'altro, manca lo spazio riservato anche per parcheggiare per gli utenti della farmacia, parcheggio provvisorio, molte volte il ritiro dei rifiuti, plastica, è stato fatto il giorno dopo, quello previsto, in periferia, quartiere Giulianello, trascurato anche per il servizio rifiuti , a porta a porta,

disservizi raccolta rifiuti
1Giovedì, 09 Agosto 2018 11:24
ciccilluzzo

ecco un'altra avvocato nullafacente che tenta di arricchirsi alla faccia dei fessi

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1