Dom04052020

Last updateDom, 05 Apr 2020 1pm

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

 

 

 

   



 

 

 

 

Back Sei qui: Home Cultura ed Eventi Il gravinese Siniscalchi

Cultura ed Eventi

Il gravinese Siniscalchi

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Click to open

L’ispirazione è alla base per l’avvocato-artista gravinese Giuseppe Siniscalchi perché possa esprimere la sua arte. Gli basta un cartone perché riesca a dare un messaggio positivo. E’ lo stesso artista ad esserne convinto, a confermarlo allorchè dichiara: “…anche da un cartone si può ripartire quando alla base vi è carattere e buona volontà”.

Il suo “fronteversismo”, neologismo da lui creato, è un modo di proporre un nuovo ed originale tipo di pittura, pensiero artistico, filosofico, culturale, per contribuire alla costruzione di un mondo migliore e di pace.

Tante le opere realizzate dall’artista con origini gravinese, utilizza materiale di scarto quale può essere un cartone trovato per strada per farne diventare messaggi di pace, amore per l’ambiente; il dipinto: “Il cartone della pace” è diventato l’immagine di copertina di un libro in cui si racconta la storia di una famiglia ebraica salvatasi dalla guerra e dalle persecuzioni naziste dando, specialmente ai giovani, un messaggio positivo.

La sua attività frenetica lo porta in giro per il mondo, ovunque esso vada lascia le sue opere perché possano tradursi in crescita culturale ed economica, noto l’interesse che nutre per i giovani e il suo agire è un granello di senape che, si augura l’artista, possa crescere e fruttificare.

Per la nostra Gravina, poi, ha una dedizione particolare che lo porta ad impegnarsi molto: negli ultimi due anni ha organizzato, a costo zero per la comunità, manifestazioni culturali portando personaggi di spessore.

Alla Fondazione Santomasi ha lasciato, in comodato d’uso gratuito, due sue opere d’arte che però non sono ancora fruibili dal pubblico; probabilmente non riusciamo a dare il giusto risalto che l’uomo-artista meriterebbe, chi di dovere si assuma le responsabilità.

Ciò nonostante il suo impegno per la città che gli ha dato i natali non ha fine, sono in corso due progetti che porteranno a Gravina altre due sue opere grazie all’interesse che hanno mostrato l’Associazione M.I.Cro. che ha Vincenzo Florio quale presidente e la chiesa di San Francesco, le due opere dovrebbero essere esposte presso l’Ospedale della Murgia e presso l’annesso chiosco della chiesa.

Ci sentiamo di ringraziare il conterraneo Giuseppe Siniscalchi e invitarlo a non diminuire l’attenzione che ha per la nostra città.

 

Commenti (7)
Fronte e verso
7Martedì, 26 Giugno 2018 15:09
Paola Rossana Martini

Nel messaggio del fronteversismo ciò che è solitamente nascosto si palesa come qualcosa di sereno e positivo. L'ignoto finalmente non inquieta: al contrario promette bellezza, armonia e pace nei cuori. L'anima raggiunge la pace e non teme più nulla. Grazie Giuseppe !

Giuseppe il pittore dei sogni
6Domenica, 24 Giugno 2018 20:45
Simone Gambini

Una volta si parlava di Giuseppe, figlio di Giacobbe, come re dei sogni, perché sapeva interpretarli. Oggi si parla di un altro Giuseppe, il pittore dei sogni, poiché a volte, quasi provvidenzialmente, dipinge cose, oggetti o scoperte che vengono fatte anni dopo. Come faccia non si sa, ma so che Dio ce lo ha donato e noi ce lo teniamo stretto. Un forte abbraccio

amaro per l'intrinseco
5Domenica, 24 Giugno 2018 08:24
Karolina Pinheiro

Giuseppe è diventato un grande amico per caso, amico di una amica, incontri di anime accadono quando entrambi cercano la stessa cosa e condividono la stessa filosofia ... Giuseppe ha questo sguardo per il bello, per la bellezza profonda e vera che l'essere umano può essere e avere e le loro opere d'arte ne sono un chiaro riflesso di questo

Essere un artista
4Sabato, 23 Giugno 2018 17:48
Pierluigi

Conosco da molti anni Giuseppe, sono onorato di essere un suo amico sincero e di avere avuto la fortuna di vedere crescere l'entusiasmo che lo ha accompagnato in questi anni di avventure artistiche. Dicono che l'arte accresca la vitalità dell'uomo , donando vita alla vita. Per donare vita è indispensabile amare la vita, apprezzandone con spiccata umiltà tutti gli aspetti, anche quelli più nascosti. Credo che Giuseppe abbia dimostrato di essere un grande artista per questa sua umiltà accompagnata ad un entusiasmo indescrivibile nell ricerca della bellezza e dell'amore che si nascondono dietro ad un meraviglioso cielo stellato o ad un semplice campo di grano. E soprattutto nel saperli "raccontare" con un'arte che io definisco pacata e tranquilla, un'arte che non "urla" ma "sussurra" messaggi di pace ed armonia universali. In un tempo e in un mondo in cui si sta spegnendo la memoria dei veri valori che hanno accompagnato la crescita e lo sviluppo dell'umanità, in un'epoca sempre piu' arida ed egoista, io credo che l'arte fronteversista sia un dono ed un balsamo contro la mediocrità e l'ipocrisia che sempre più circondano le nostre vite. Con affetto Pierluigi

Una città nel nome dell'arte
3Sabato, 23 Giugno 2018 15:02
Gabriele Guglielmino

Il luogo natale è sempre stato per ognuno di noi di grande rilevanza in quanto da lì ha origine la storia personale di un uomo. Nel caso di un letterato o di un artista quest'aspetto acquista ancor più rilevanza in virtù della possibilità di questi di trasferire il suo legame nell'opera stessa riservando ai posteri il compito di perpetuare la memoria di quel luogo decantata nei versi o impressa, fosse solo per un rimando simbolico, sulla tela. Ne consegue che è, a mio giudizio, un compito morale da parte dell'amministrazione di Gravina valorizzare il suo illustre concittadino oggi al fine di non doverci ritrovare, a distanza di qualche decina di anni, a rimpiangere un'occasione mancata. A questo proposito i paragoni abbondano, il detto latino "nemo profeta in patria" non è stato coniato a caso, tuttavia sono convinto che, sia per la straordinaria ospitalità della popolo del sud sia per la sensibilità autoctona in fatto di arte che possiede, che una via per integrare sempre di più la storia del Fronteversismo all'interno di quella cittadina, sarà non solo possibile ma, almeno in parte, sia una realtà già esistente. Chissà forse un giorno - ammetto che si tratta di una mia debolezza per aver seguito e contribuito umilmente a divulgare il pensiero e le opere fronteversisti - ad accogliere il visitatore all'ingresso in città, ci sarà la scritta " Benvenuti a Gravina di Puglia, città del Fronteversismo".

Ricordi toccanti
2Sabato, 23 Giugno 2018 14:04
Guido Pellegrini

Da ex insegnante ed amico ho vissuto la crescita morale ed intellettuale del giovane artista, esperienza anche per me costruttiva e formativa. Giuseppe è stato uno degli alunni che tutti vorrebbero conoscere ed amare.

Precisazione
1Sabato, 23 Giugno 2018 09:44
Giuseppe Siniscalchi

Per “ 2 opere “ immagino l’ articolo si riferisca alle più recenti come ad esempio quella dal titolo pace universale 2017 consegnata in occasione della ricorrenza commemorativa dei 100 anni dalla scomparsa dell’ emerito Barone Santomasi . Le mie opere in fondazione Pomarici Santomasi , comprese alcune stampe autografate disegno a matita ed oli e carte da pacchi a tecnica mista , sono circa una decina compreso il rinomato dipinto Sole e pace la cui immagine che riecheggia i miei ricordi da bambino in Gravina e’ ripresa on line spesso in più parti del mondo : basta ad esempio scrivere in motore di ricerca come google : Fronteversismo CNN oppure FRONTEVERSISMO E NASA o semplicemente Fronteversismo per vedere . A presto e Grazie . Giuseppe Siniscalchi

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:
yvComment v.2.01.1

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Queries Database